.
Annunci online

adestra [ «E' normale che esista la paura, in ogni uomo, l'importante è che sia accompagnata dal coraggio. Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti.» P. Borsellino ]
 


                 
 
                


 siamoadestra@yahoo.it


         10febbraio.it


       
          www.terrorhaza.hu

                 
         ATTENZIONE !     

Il Blog di Adestra è curato  da alcuni ragazzi e ragazze che si riconoscono all’interno dell’ostracizzata e sottovalutata Cultura di Destra.  Coloro i quali desiderino scrivere commenti
sono - di regola -
i benvenuti, al di là di ogni appartenenza politica più o meno manifestata.
Gli autori si riservano tuttavia il diritto di esaminare il contenuto dei commenti di bloggers anonimi,
 non certificati e/o in black-list.
A seguito di tale verifica, i commenti verranno insindacabilmente ritenuti dagli autori
idonei alla pubblicazione o cancellati dal blog.
Gli autori si riservano oltremodo il diritto di rimuovere eventuali commenti  ritenuti offensivi,  fuori argomento e/o scurrili.
Gli autori  dichiarano altresì di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post.
Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001
Il materiale riportato nel blog è pubblicato senza fini di lucro e a scopo di fini di studio, commento, didattici e di ricerca.
Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse dagli autori.
Grazie e Buona Navigazione!


                                                  
          


       
         



          



        
                                    
         
                



      

                                                                          
   
            
            


           

         
                      

        


              Giù le zampe dai bambini!


           
     


         NO all'Eurabia!


     


    Cuba no es libre

                

     

                  

  

        

           
         
     
      

             

                

 




 


2 giugno 2007


La democrazia a Giaveno è forse rievocazione storica?


Stamattina a Giaveno in due diverse piazze destra, sinistra e No Tav animavano il sabato dei villeggianti.  La destra attraverso i simpatici Menestrelli del Gruppo Ottone III distribuiva locandine di invito alla consueta manifestazione di rievocazione storica estiva. La sinistra vendeva piante per sostenere la nascita del nuovo Partito Democratico. I No Tav con le loro bandiere in spalla venivano circondati dagli agenti del Corpo Municipale dopo che, secondo la testimonianza di alcuni di loro, non era stata ammessa dalla amministrazione comunale la richiesta di poter sistemare il loro banchetto.

In questo breve scorcio di vita politica della piazza giavenese quello che risulta essere piuttosto evidente è che esiste un fronte No Tav che non sembrerebbe al momento avere alcun antagonista all’orizzonte. La valle da tempo si anima di convegni sul tema, ponendo l’accento sui contro di questa grande opera pubblica, e nessuno sul fronte dei pro si muove per informare la popolazione dei benefici che dovrebbe portare. Neppure i nostri amici della Giaveno Sicura attenti osservatori della viabilità aviglianese e mirabili rievocatori di un passato in cui le diligenze rappresentavano pionieristiche forme del trasporto ad alta velocità. E sì che la cittadinanza si aspetterebbe un dialogo serrato tra movimenti contrapposti per sentirsi informati protagonisti di una scelta che riguarda la terra, la vita e la salute di tutti. Ma se si vuol guardare la realtà di oggi con uno sguardo all’Anno Mille dobbiamo convenire con i nostri vecchi amici che la democrazia in certi periodi è stata proprio fuori moda. Magie e misteri di un vintage politico che non ci rappresenta. Ecco perché certi simboli spariscono insieme al senso di appartenenza ad una realtà politica locale che è quel che è.

 

                       adestra(?)   




permalink | inviato da il 2/6/2007 alle 18:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
sfoglia     maggio        luglio