Blog: http://adestra.ilcannocchiale.it

ANCORA SILENZIO SI' TAV.

 

Nel confronto in atto tra i movimenti SI TAV e NO TAV è indispensabile che l’informazione sia diffusa nel modo più trasparente possibile.

Nel leggere il quotidiano “La Stampa” di Venerdì u.s. leggiamo” La Polizia difende i sindaci dalla rabbia dei NO TAV”. L’articolo proseguiva poi “è accaduto qualcosa di nuovo- e di grave- lunedì sera a Villa Ferro, Bussoleno. irca duecento manifestanti dei comitati No-Tav hanno <assediato> la conferenza dei sindaci di Val Susa, Sangone e prima cintura”.

“La Luna nuova”, un bisettimanale locale riporta a pagina 3: “Lunedì sera, tra slogan e canzoni, la manifestazione davanti ai cancelli di Villa Ferro dove si è riunita la conferenza dei sindaci è proseguita fin quasi a mezzanotte quando gli amministratori hanno terminato la loro discussione. Antonio Ferrentino, Presidente della Comunità Montana, Bassa Valle, è uscito e ha brevemente relazionato su quanto gli amministratori avevano discusso. Ne è nato anche un piccolo battibecco con alcuni manifestanti che hanno accusato Ferrentino e più in generale la Conferenza dei Sindaci di non essere legittima (visto che non è prevista in alcuno statuto degli Enti locali) e poco trasparente visto che non permette a nessun esterno la partecipazione e non redige verbali. Fermentino ha risposto che “ la Conferenza è uno strumento di cui la Comunità Montana si serve per avere un momento ulteriore di confronto tra Amministratori”, e ne ha rivendicato la legittimità. Tutto comunque si è concluso in poco più di dieci minuti.”

Quale delle due testata giornalistiche ha riportato il vero?

E’ stato <assedio> o <piccola discussione>?

Noi ci poniamo una domanda: perché l’informazione ha raggiunto punti di così oscura differenziazione su un problema che rischia di infiammare ancora di più il clima che si respira a pieni polmoni anche nella nostra bellissima Val Sangone?

Qui prodest?

                                   adestra

Pubblicato il 10/6/2007 alle 21.29 nella rubrica TORINO E VALSANGONE.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web